Elrond (EGLD) listed on eToroX

After Global Payments App announced, Elrond (EGLD) listed on eToroX

Elrond, the blockchain designed to bring a 1,000-fold improvement in execution speed and throughput over existing decentralized networks, announced that its eGold token will join the list of cryptocurrencies available in the eToro ecosystem, through listing on eToroX.

eToroX is eToro’s professional crypto exchange. Designed and manufactured for the corporate and institutional crypto community, the eToroX exchange is a highly effective, reliable and secure crypto trading solution.

eToro is the fast-growing $2.5 billion global unicorn that offers digital asset management services for over 15 million users, trading in equity, commodity, forex and cryptocurrency markets.

Fuelled by the recent surge of interest from institutional and retail investors in Bitcoin, which has reached new price records since its last all-time high in 2017, the fast-growing crypto markets are expected to easily by One Bitcoin a Day surpass the $1 trillion global capitalisation and continue to develop following a rapid adoption trajectory.

This prompted eToro to capitalise on the emerging markets opportunity and expand its cryptocurrency portfolio after a 12-month hiatus.

Elrond listed on eToro

Elrond is a public blockchain that provided the first truly scalable sharding architecture solution, which is capable of delivering more than 15,000 transactions per second and can scale even more, having reached 263,000 transactions per second in public testing.

Compared to Bitcoin’s 7 transactions per second and Ethereum’s 14 transactions per second, the top two cryptocurrencies right now, Elrond is similar to what broadband internet was in the early days of slow internet connections.

Recently, Elrond also announced the launch of its digital wallet and global payments app called Maiar, scheduled for 31 January.

Through Maiar, Elrond is positioning itself for an accelerated growth phase, aiming to achieve widespread, mainstream adoption as, in addition to crypto, the app aims to gradually provide the same functionality as PayPal, Venmo and Google Pay, but without collecting personal information and at much lower fixed costs.

Beniamin Mincu, CEO and founder of Elrond Network said:

„In its 10 years of existence, Bitcoin has proven that cryptocurrencies are safe and can serve an important purpose in the internet economy. Elrond opens a new frontier that offers internet-scale blockchain performance and an intuitive application called Maiar, through which we aim to bring the next billion people into the blockchain space.“

Elrond’s eGold cryptocurrency will make its debut in the eToro ecosystem on Wednesday, December 23, when it will be available on the eToroX crypto exchange.

About Elrond

Elrond is the internet-scale blockchain, designed from the ground up to achieve a cumulative 1,000-fold improvement in productivity and execution speed. To achieve this, Elrond introduces two key innovations: a new Adaptive State Sharding mechanism and a Secure Proof of Stake (PoS) algorithm, which enables linear scalability with a fast, efficient and secure consensus mechanism.

In this way, Elrond can process up to 15,000 transactions per second (TPS), with a latency of 6 seconds and negligible costs, striving to become the backbone of a permissionless, borderless and globally accessible internet economy.

Bitcoin jager JP Morgan til Verdensbanken

20. november 2020 økte markedsverdien til Bitcoin over markedsverdien til JP Morgan Chase, verdens største offentlige bank. Selv om den falt tilbake til nummer to 21. november, har BTCs stille oppgang betatt finansverdenen.

JP Morgan mot Bitcoin

JP Morgan Chase-sjef Jamie Dimon har hatt et komplisert forhold til Bitcoin. Siden 2017, da Dimon hevdet at Bitcoin var svindel, har mye endret seg hos JP Morgan.

Mer nylig lanserte JP Morgan sin egen kryptovaluta og investerte i ConsenSys. Selv om Dimon kunngjorde 18. november 2020 at Bitcoin fremdeles er „ikke min kopp te“, parerte Bitcoin med sin enorme økning til nesten alle tiders høyder. Bitcoin, som i seg selv flørter ikke bare med høye tider, men også med høyest månedlige stengninger, gikk kort over JP Morgan ved markedsverdi.

JP Morgan er Amerikas største bank, konkurrert med Industrial and Commercial Bank of China i størrelse. JPMorgan er med en markedsverdi på rundt 350 milliarder dollar nummer 17 på Fortune 500-listen over de største amerikanske selskapene, like foran General Motors.

Så da markedsverdien av Bitcoin overgikk JP Morgan til rundt 351 milliarder dollar i helgen, snudde det noen hoder. Bitcoin ser ut til å få enestående interesse fra store Wall Street-spillere og banker.

Crypto er FUNdamnetal

Samtidig har den nåværende crypto bull-run uten tvil mer grunnleggende bak seg enn den i 2017. Bransjen er mer solid, sikkerheten mer bevist, selskapene mer gjennomsiktige og støttespillere bedre kjent.

Det er noen få muligheter som gir næring til dette nåværende bull run. En teori er den økende forståelsen av Bitcoin som erstatning for gull. Med potensial for enorm inflasjon etter stimulans søker amerikanske selskaper eiendeler som vil holde seg mot stigende priser.

En annen mulighet er fremtiden for Bitcoin i lovens øyne. I USA har avtroppende SEC-styreleder Jay Clayton presisert at Bitcoin er en butikk med verdi og ikke en sikkerhet, en status som kan gjøre det mer attraktivt for skattebevisste selskaper.

Selv om dette ikke gjør Bitcoin til en offisiell “bank”, er kryptovalutaen fortsatt et finansielt instrument med mer verdi parkert i seg enn nesten alt bortsett fra gull.

Med DeFi som gjør en ikke-banket verden til en reell mulighet, fortsetter kryptokurver å holde sitt mot tradisjonelle finansielle systemer.

Pourquoi les HODLers augmentent l’utilité de Bitcoin

Cela fait quelques bonnes semaines pour Bitcoin, la plus grande crypto-monnaie du monde.

Non seulement BTC est récemment passé à un nouvel ATH, mais il est également devenu l’actif le plus adopté au monde. Cela a récemment été mis en lumière par un tweet rédigé par le célèbre analyste de la chaîne Willy Woo. Le tweet en question comparait la courbe d’adoption de Bitcoin à des utilisateurs d’Internet, des comptes mobiles et des comptes PayPal.

Ça sonne bien, non? Enfin, pas tout à fait. Bien que le graphique ait mis en évidence l’adoption massive et rapide de Bitcoin, la question discutable est de savoir dans quelle mesure cette adoption est motivée par l’utilité. Ici, l’utilité impliquerait l’utilisation de Bitcoin pour les paiements, malgré le fait que la question de savoir ce qui constitue l’adoption est un débat intéressant, encapsulé par un récent fil Twitter impliquant à la fois Peter Schiff et Willy Woo.

Alors, qu’est-ce qu’une adoption? Propriété v. Utilisation pour l’utilité?

Quelle part de cet «utilité» est encore de la spéculation par rapport à son utilisation pour payer des choses.

Dans le fil Twitter susmentionné, Willy Woo a défini l’adoption comme une exposition à la BTC et l’utilisation de la BTC, car cela signifie accéder à ses propriétés économiques, accessibles principalement en détenant l’actif. Considérer les HODLers comme des adoptants est une perspective intéressante car le récit qui a soutenu la hausse des prix est le «récit de pénurie d’approvisionnement».

En outre, la liquidité des HODLers 2y-3y (1d MA) a atteint de nouveaux creux historiques toutes les quelques semaines dans ce cycle de marché. Il est donc intéressant de voir comment même sur les marchés baissiers, uniquement basés sur l’adoption, les HODLers ont réalisé 2x sur leurs investissements.

Sur la base de la logique théorique selon laquelle détenir n’est pas une adoption, acheter et détenir de l’or dans un coffre-fort ne serait pas non plus une adoption. Les propriétaires de biens immobiliers, d’or ou d’autres métaux précieux n’ont pas à effectuer de transaction pour prouver leur adoption, et la détention de ces actifs est suffisante pour leur adoption.

Ce débat intéressant a conduit à la révélation que même HODLing Bitcoin est un utilitaire. Même avant la course haussière historique, les HODLers ont conduit le récit des prix avec des millions de BTC verrouillés dans des portefeuilles. Et l’augmentation des liquidités depuis l’atteinte de 19 000 dollars n’est pas non plus baissière. C’est le Bitcoin qui change de mains et son adoption augmente. Alors que le récit à long terme de l’adoption> l’utilité peut être imparfait, comme l’adoption est l’utilité, BTC est utilisé – tous 18,5 millions.

Alors que le prix est régi par les cycles du marché et la réduction de moitié, on peut soutenir que la valeur est déterminée par son adoption et sa liquidité. Les HODLers de Bitcoin augmentent son utilité, il n’est donc pas étonnant que le prix ait déjà atteint un nouvel ATH à la suite d’un rallye.

En Bitcoinhval netop kortsluttet $ 100M BTC – Forventer store indehavere et større fald?

En Bitcoin-hval placerede en dollar på $ 100 millioner den 15. november efter forskellige on-chain data-tip til en hvalinduceret BTC-udsalg i løbet af den sidste uge.

En Bitcoin (BTC) -hval placerede 100 millioner dollars på Bybit ifølge pseudonymehandleren CL. Det kommer efter, at forskellige on-chain data peger mod en hvaldrevet afsætning i løbet af den sidste uge.

Selvom fremdriften i Bitcoin forbliver stærk, er der mange grunde, der gør $ 16.000 til et attraktivt område for sælgere.

Der er betydelig likviditet på $ 16.000, primært fordi det er et tungt modstandsniveau. Men niveauet har set relativt høj køberefterspørgsel, viser stablecoin-tilstrømningen. Derfor gør kampen mellem købere og sælgere til $ 16K det til et område med høj likviditet, som er overbevisende for sælgere.

Stigende tegn på, at hvaler tager overskud

En sælger solgte aggressivt Bitcoin på Bybit den 15. november. Ordrestrømme viser, at der i gennemsnit var salgsordrer til en værdi af omkring 3,5 millioner dollars i træk i flere timer.

Baseret på den bratte store salgsordre foreslog CL, at dette kan resultere i to scenarier.

For det første kan sælgeren blive opslugt og forårsage et klem, hvilket kan få BTC-prisen til at stige. For det andet kunne det fortsætte med at anvende salgspres på BTC. Den erhvervsdrivende skrev:

„For cirka 2 timer siden solgte en aggressiv næsten ~ 100 mio. På Bybit, en tredjedel af sælgerne åbner, personligt ret nysgerrig efter at se, hvad der sker, hvis denne sælger / kortere bliver opslugt, eller hvis han slippes fri.“
I mellemtiden har andre større børser set store indskud i løbet af de sidste 24 timer. USA-baserede kryptokursudveksling Gemini oplevede et depositum på 9.000 BTC ifølge data fra CryptoQuant.

Hvaler bruger typisk udvekslinger med nøje overholdelse og stærke lovgivningsmæssige foranstaltninger, som inkluderer platforme som Coinbase og Gemini.

I betragtning af det store Bitcoin-indskud i Gemini, der er værd $ 143 millioner, sagde en pseudonym forsker kendt som “Blackbeard”, at det er tid til at være forsigtig.

Bare weekendens volatilitet?

Som CL bemærkede, er Bitcoins nuværende markedsstruktur forskellig fra den foregående cyklus. For eksempel, da BTC var på $ 16.000 i 2017, var markedet ekstremt overophedet med ekstrem volatilitet. Den erhvervsdrivende sagde:

„Tilbage i 2017, da vi pumpede fra 10k, 15, ind i 20k, havde vi OKEx ugentlige futureshandel i 1000 $ kontangoer, nu er vi her med kvartalsvis kun 100 $ over.“

Denne gang synes rallyet at være mere bæredygtigt og gradvist. Bitcoin har fortsat set et trappelignende rally i løbet af de sidste seks måneder, hvilket har gjort det muligt at udvikle sig til en langvarig opadgående tendens.

I stedet for en pludselig stigning efterfulgt af en anden stejl stigningstendens, har BTC set opad, efterfulgt af konsolidering osv.

Som Cointelegraph rapporterede tidligere på denne måned, viser forskellige data, herunder Google Trends, at der stadig er ringe interesse fra detailinvestorer i modsætning til i slutningen af ​​2017. På den anden side er der stigende bevis for, at Wall Street begynder at lægge mærke til.

Derfor er der et stærkt argument, at den igangværende rally er grundlæggende forskellig fra 2017 på trods af det nuværende „ekstreme grådighed“ markedssentiment. Især er det tilgængelige udbud faldet på grund af den seneste halvering samt faldende reserver på børser det sidste år.

Bitcoin futures finansieringssatser er også neutrale på omkring 0,01%, hvilket betyder, at markedet ikke er så overophedet eller overfyldt som for tre år siden. Denne tendens kan gøre ulempen begrænset, især på mellemlang sigt.

S&P Futures, salto del petrolio sull’ottimismo del vaccino; Bitcoin colpisce $18.000

Dopo il modesto selloff di ieri, quando l’ottimismo covido si è spento in mezzo a nuovi record giornalieri di nuovi casi, mercoledì i contratti futures sui tre principali indici azionari statunitensi sono rimbalzati bruscamente mentre l’ottimismo del vaccino ha fatto un ritorno trionfale dopo che Pfizer Inc. ha detto che un’analisi finale dei dati clinici-trial ha mostrato che il suo vaccino Covid-19 era efficace al 95%, aprendo la strada all’azienda per richiedere la prima autorizzazione normativa statunitense per un’iniezione di coronavirus in pochi giorni. La notizia ha spinto i futures dell’S&P 500 fino allo 0,4% in più, cancellando un precedente declino dello 0,6%, mentre i futures sul Nasdaq 100 e sul Dow Jones sono saliti rispettivamente dello 0,2% e dello 0,5% alle 7 del mattino, mentre i futures dell’indice Russell 2000 sono saliti dello 0,6%, dato che la sovraperformance del small cap era destinata a continuare.

A sostenere il Dow è stato Boeing, che ha annunciato che il 737-MAX a rischio di crash è stato autorizzato a tornare nei cieli mentre la FAA ha sollevato il suo più lungo atterraggio negli Stati Uniti.

I guadagni hanno contribuito a invertire la tendenza al ribasso di martedì, quando i mercati statunitensi hanno chiuso in rosso dopo che i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti erano calmi, l’aumento dei casi di COVID-19 e l’incertezza sulle nuove misure di stimolo nella più grande economia del mondo avevano ridotto il sentimento. Mentre il rilascio di due dati di prova di successo di due vaccini contro il coronavirus nell’ultima settimana ha fatto lievitare i mercati, il tasso di infezione ancora alto a livello globale ha agito per tagliare i guadagni, ha detto Jane Shoemake, manager di fondi con sede a Londra presso Janus Henderson.

„La gente può vedere la luce alla fine del tunnel ora e i mercati hanno chiaramente risposto a questo, ma non salirà in linea retta perché dobbiamo ancora superare l’inverno… (e) che continuerà a temperare alcune delle esuberanza che la gente sente“, ha detto Shoemake.

Cormac Weldon, Head of U.S. Equities at U.S. Equities at UK asset manager Artemis ha detto che, mentre il quadro generale per gli investitori era più luminoso, la ripresa era probabilmente disomogenea. „I bassi livelli di scorte e la necessità di produrre e distribuire beni sono probabilmente i primi motori della ripresa, con il riemergere della domanda dei consumatori che aggiunge una seconda potente fase“.

L’indice MSCI World è salito dello 0,1% a 1013 GMT, appena al di sotto del record della sessione precedente. Dopo l’apertura al ribasso, le azioni europee hanno strisciato indietro nei guadagni notturni di tracciamento nero in Asia, dove le speranze di stimolo della Cina hanno aiutato l’indice regionale più ampio dell’MSCI a salire dello 0,7%, con l’indice STOXX 600 che è salito fino allo 0,5% fino a un massimo infragiornaliero in seguito alla notizia di Pfizer.

All’inizio della sessione, i titoli asiatici hanno guadagnato, guidati dai settori della finanza e dell’IT. La maggior parte dei mercati della regione è stata in rialzo, con il Taiex di Taiwan in progresso dell’1,3% e l’S&P/ASX 200 dell’Australia in rialzo dello 0,5%, mentre il Topix del Giappone è sceso dello 0,8%. Il volume di trading per i membri dell’MSCI Asia Pacific Index è stato superiore del 13% alla media mensile in questo momento della giornata. Il Topix ha perso lo 0,8%, con Toyota e Sony che hanno contribuito maggiormente al movimento. Il Nikkei 225 Stock Average ha perso l’1,1% dopo che Tokyo ha registrato un numero record di nuove infezioni da Covid-19. L’indice composito di Shanghai è salito dello 0,2%, trainato da China Life e Industrial Bank.

I forti guadagni aziendali nel terzo trimestre hanno anche sostenuto il positivo sentiment del mercato azionario, hanno affermato gli analisti di Barclays, con le aziende „fiduciose sulle prospettive e sul controllo dei costi“, hanno dichiarato in una nota ai clienti.

„Ciò rafforza le ragioni di un forte rimbalzo degli utili e di una ripresa dell’attività aziendale nel 2021, con l’evolversi della ripresa ciclica“.

Con il ritorno del sentimento di rischio, i paradisi del rischio si sono venduti e i Treasuries sono scesi ai minimi storici del trading negli Stati Uniti dopo che l’analisi finale dei dati clinici di Pfizer Inc., presentata in anteprima la scorsa settimana, ha mostrato che il suo vaccino Covid-19 è stato efficace al 95%. I rendimenti sono diventati leggermente più economici nel corso della giornata attraverso la pancia, rimanendo entro un punto base dalla chiusura di martedì lungo la curva. L’asta dei titoli di nuova emissione del Tesoro, che dura da 20 anni, è in dirittura d’arrivo. I rendimenti a 10 anni, appena sopra lo 0,86%, sono stati leggermente più economici nel giorno rispetto ai Bund e alle scrofette. Sul calendario di oggi abbiamo una vendita di $27 miliardi di dollari in Treasury 20Y alle 13:00, che è di $2 miliardi più grande della precedente nuova emissione; il WI 20Y è scambiato intorno all’1,397%, sopra tutti i sei precedenti 20 anni di stop e ~2,7 miliardi di dollari in meno rispetto al mese scorso. Nei mercati del debito europei, la Germania ha visto il suo rendimento dei titoli di stato a 10 anni di riferimento scendere al minimo da quando Pfizer ha annunciato l’aggiornamento del vaccino COVID-19 una settimana e mezza fa.

„I rendimenti continuano a diminuire man mano che altri segnali di allarme lampeggiano sulle prospettive a breve termine“, ha detto Benjamin Schroeder, senior rates strategist di ING. „Gli spread della zona euro sembrano avere occhi solo per il QE (quantitative easing), scrollandosi di dosso la volatilità e le battute d’arresto dell’UE“, ha detto, riferendosi alla notizia di questa settimana che Ungheria e Polonia hanno bloccato l’adozione del bilancio 2021-2027 e del fondo di recupero da parte dei governi dell’Unione europea.

Il rendimento del debito sovrano decennale della Cina è aumentato di 5,2bps fino a raggiungere un nuovo massimo per il 2020 al 3,33% (l’alto rendimento del 2019 è vicino al 3,45%). La risposta dei prezzi nei tassi onshore è in contrasto con l’andamento del debito statunitense con un profilo di scadenza simile (-3,3bps nella settimana di rendimento fino ad oggi).

In FX, il dollaro USA è sceso dello 0,2% in termini di BBDXY, con l’indice che è sceso ulteriormente al di sotto della soglia di 1.150 e sul punto di toccare un nuovo minimo per il 2020. I consulenti dell’amministrazione americana in arrivo hanno evitato un blocco nazionale all’inizio del 2021, che ha contribuito ad aumentare la propensione al rischio insieme alle notizie positive sui vaccini. Il dollaro è diminuito rispetto a tutte le valute del Gruppo dei 10, poiché ha continuato ad essere venduto in un contesto di prospettive più ottimistiche per i vaccini e dopo che il presidente della Fed Jerome Powell ha detto che l’economia statunitense ha ancora una „lunga strada da percorrere“ prima di riprendersi completamente dalla pandemia. L’indice Bloomberg Dollar Spot Index è sceso fino allo 0,3% nelle prime contrattazioni, avvicinandosi al minimo pluriennale registrato il 9 novembre, per portare le perdite in un quarto giorno, prima di recuperare alcune perdite in seguito alla notizia della Pfizer.

La lira turca ha esteso un calo fino all’1,1% dopo che il Presidente Recep Tayyip Erdogan ha parlato contro l’aumento dei tassi di interesse un giorno prima della riunione dei tassi chiave della banca centrale, creando confusione sul fatto che il CBRT avrebbe aumentato i tassi di 500 bps domani, come alcune banche ora si aspettano. Erdogan ha detto che gli alti tassi di interesse rendono impossibile la produzione, impediscono il miglioramento delle esportazioni: „Risolveremo i nostri problemi in linea con le pratiche dell’economia di libero mercato“ ha detto aggiungendo che „la Turchia raggiungerà la stabilità dei prezzi e la stabilità finanziaria, stiamo mirando ad una minore inflazione il più presto possibile“. La Lira è scesa dello 0,4% a 7,7076 per USD dopo essere scesa a 7,80; l’indice delle banche della Borsa di Istanbul ha registrato un guadagno del 5,3% dopo i commenti di Erdogan e il 2% in più.

In altri mercati, la corona norvegese ha portato avanti il G-10; il cambio USD/NOK è sceso dello 0,6% a 9,017, mentre il petrolio è salito verso i 42 dollari al barile a New York, in quanto i segnali di una robusta ripresa della domanda in Asia hanno compensato un balzo delle scorte di greggio statunitense. Il cambio USD/JPY è sceso dello 0,4% a 103,83, il più basso dal 9 novembre. Cross è sceso di un quinto giorno, il più lungo degli ultimi due mesi. Il cambio AUD/USD è salito dello 0,2% a 0,7318, mentre l’ampia debolezza del dollaro ha invertito un precedente declino. Il cambio GBP/USD ha continuato ad essere sostenuto, salendo fino allo 0,4% a 1,3297. Il Regno Unito e l’Unione Europea potrebbero concludere un accordo sulle loro future relazioni commerciali e di sicurezza all’inizio della prossima settimana. I media „suggerendo un accordo la prossima settimana e l’allontanamento dal governo dei sostenitori di Brexit di alto profilo sembrano aver ispirato nuova fiducia in un accordo e quindi nella sterlina“, Sean Callow, senior currency strategist di Westpac Banking Corp.

Con le azioni ancora ben supportate, anche altri mercati a rischio si sono fatti coraggio, con i futures sul greggio statunitense e i futures sul greggio Brent entrambi in crescita di poco più dell’1%, sostenuti dalle speranze che l’OPEC ritarderà un aumento pianificato della produzione.

Ma la mossa è stata più pronunciata che in Bitcoin, dove la criptovaluta ha scambiato per la prima volta da dicembre 2017 oltre i 18.000 dollari per la prima volta, estendendo la sua vescica di rally del 2020 trainata dalla domanda per la sua qualità percepita come una copertura contro l’inflazione e dalle aspettative di accettazione da parte del mercato mainstream. L’originale e più grande criptovaluta ha fatto un balzo fino a 18.483 dollari ed è aumentata del 2%. Quest’anno è salita di circa il 160% e ha fatto un balzo del 17% solo negli ultimi tre giorni.

La Bitcoin è ora vicina al suo massimo storico di poco meno di 20.000 dollari, che ha toccato il picco della sua bolla del 2017 alimentata dagli investitori al dettaglio. „Non è fuori questione che il Crypto Engine raggiunga il suo massimo storico di 20.000 dollari da questo lato del Natale“, ha detto Simon Peters, analista della piattaforma di investimento eToro.

„L’industria dei crittografi si è consolidata, è maturata e sta vedendo una vera e propria trazione con gli investitori istituzionali. Gli investitori stanno usando il bitcoin come copertura contro l’inflazione per combattere la prospettiva di continui stimoli governativi“.

Nel frattempo quel bitcoin „vecchia scuola“, l’oro, era più debole, scambiando 20 dollari in meno a 1.871 dollari.

Guardando ora alla giornata che ci attende, i dati principali includono la lettura dell’IPC del Regno Unito per il mese di ottobre, insieme alle nuove immatricolazioni di auto nell’UE-27 per quel mese. Dagli Stati Uniti, otterremo anche l’inizio di ottobre per l’edilizia abitativa e i permessi di costruzione. Tra i relatori della banca centrale ci sono i federali Williams, Bullard e Kaplan, insieme al capo economista della BoE Haldane.

Istantanea del mercato

  • S&P 500 futures in crescita dello 0,4% a 3.621
  • STOXX Europa 600 in crescita dello 0,05% fino a 389,00
  • MXAP in aumento dello 0,2% fino a 188,36
  • MXAPJ in aumento dello 0,6% a 623,94
  • Nikkei in calo dell’1,1% a 25.728,14
  • Topix in calo dello 0,8% a 1.720,65
  • Hang Seng Index in crescita dello 0,5% a 26.544,29
  • Shanghai Composite in crescita dello 0,2% a 3.347,30
  • Sensex in crescita dello 0,4% a 44.142,57
  • Australia S&P/ASX 200 in crescita dello 0,5% a 6.531,10
  • Kospi in crescita dello 0,3% a 2.545,64
  • Brent Futures in aumento dell’1,3% a 44,70/bbl
  • Posto oro in calo dello 0,3% a 1.870,39 dollari
  • Indice del dollaro USA in calo dello 0,2% a 92,28
  • Il rendimento del 10Y tedesco è sceso di 0,2 bps a -0,565%.
  • Euro in crescita dello 0,2% a 1,1880 dollari
  • Brent Futures in crescita dello 0,9% a 44,12 $/bbl
  • Il rendimento italiano a 10 anni è sceso di 1,3 bps allo 0,528%.
  • Rendimento spagnolo 10Y invariato allo 0,075%.

Le migliori notizie da Bloomberg

  • I responsabili politici della Banca Centrale Europea stanno cercando di persuadere gli investitori a non concentrarsi troppo sull’entità della loro prossima dose di stimoli monetari, sperando che guardino invece al suo disegno
  • Dopo un paio di grossi crash che hanno distrutto miliardi di valore, la moneta digitale è rimbalzata al suo valore più alto dal gennaio 2018, superando i 18.000 dollari di questa settimana. La causa: una raffica di sviluppi che suggeriscono che la Bitcoin ha fatto grandi passi verso il mainstream
  • Le banche italiane potrebbero dover affrontare costi più elevati per la vendita di crediti inesigibili, dato che il governo ha deciso di eliminare le misure di sgravio fiscale nel bilancio del prossimo anno. Il governo ha deciso di non prorogare nel 2021 il beneficio fiscale introdotto all’inizio di quest’anno per facilitare la cessione dei crediti in sofferenza presenti nei bilanci delle banche italiane. Finanziatori e clienti sono stati duramente colpiti dalla crisi pandemica
  • Il Primo Ministro del Regno Unito Boris Johnson ha annunciato un piano da 12 miliardi di sterline (15,9 miliardi di dollari) per promuovere le industrie verdi e affrontare il cambiamento climatico, in un progetto che, secondo lui, creerà o sosterrà fino a 250.000 posti di lavoro.
  • L’ingresso del Regno Unito nella fiorente scena europea delle obbligazioni sovrane verdi potrebbe rivelarsi un catalizzatore per una più ampia emissione aziendale, aiutando le ambizioni di Londra a diventare il polo di investimento etico del continente.
  • Gli investitori in Europa hanno l’opportunità, una volta all’anno, di aumentare il debito sovrano cinese in termini di volume, poiché la nazione torna con una vendita di obbligazioni in euro che beneficia di costi di finanziamento estremamente bassi.
  • La banca centrale della Nuova Zelanda ha detto che ha divulgato accidentalmente informazioni sensibili dalla sua ultima dichiarazione di politica monetaria ad un gruppo di società di servizi finanziari prima dell’ora ufficiale di pubblicazione la settimana scorsa.

Uno sguardo rapido ai mercati globali grazie a NewsSquawk

I mercati azionari asiatici hanno registrato un andamento per lo più positivo, in quanto la regione ha cercato di riprendersi dal debole passaggio di consegne da Wall Street, dove tutti i principali indici hanno concluso una sessione di mercato in rosso in mezzo a dati contrastanti e mentre l’euforia per il recente vaccino si stava esaurendo. L’ASX 200 (+0,5%) è stato positivo, con l’indice sostenuto da una sovraperformance nel suo settore finanziario più ponderato, ma con un rialzo limitato nel mercato più ampio dalla debolezza dei titoli legati alle materie prime, mentre il Nikkei 225 (-1,1%) è rimasto in ritardo rispetto ai suoi colleghi per i recenti afflussi di valuta e per le preoccupazioni legate ai virus, con Tokyo che si prepara a passare al livello di allerta virus più alto. Hang Seng (+0,5%) e Shanghai Comp. (+0,2%) sono stati tenuti a galla nonostante un inizio lento, in quanto i partecipanti sono rimasti cauti a seguito di un altro drenaggio di liquidità da parte della PBoC e in mezzo a ulteriori titoli legati alla tensione dopo che martedì i bombardieri statunitensi sono entrati nella zona di identificazione della difesa aerea cinese e con i regolatori statunitensi che stanno elaborando piani per richiedere alle società cinesi quotate negli Stati Uniti, di utilizzare revisori dei conti supervisionati dai regolatori statunitensi o di rischiare di essere rimossi dagli scambi. Infine, il JGB a 10 anni ha registrato lievi guadagni tra il recente rialzo delle T-notes e la sottoperformance delle azioni di Tokyo, ma con un rialzo limitato da risultati contrastanti all’asta del JGB a 20 anni.

Le principali notizie asiatiche

  • Ruggisce di rame, raduni di zinco come domanda cinese, Dollar Spur Rally
  • Il nervosismo creditizio della Cina approfondisce la vendita di titoli di Stato
  • La Bank of Thailand sposta l’attenzione sul Baht Rally, tiene sulle tariffe
  • Sharp per tornare all’indice dei chip blu del Giappone, in sostituzione di Docomo

Le azioni europee si scambiano in modo modestamente più solido dopo un inizio più morbido della sessione (Eurostoxx 50 +0,1%) in quanto i prezzi continuano a consolidarsi intorno ai livelli recenti in assenza di ulteriori notizie incrementali. Il quadro rimane lo stesso per la regione, poiché l’ottimismo sull’efficacia dei vaccini COVID-19 è in qualche modo attenuato dalle prospettive a breve termine, che sono caratterizzate dall’aumento dei casi COVID, dalle restrizioni di blocco e dalle controversie in corso sul passaggio del fondo europeo per la ripresa. La performance settoriale è relativamente mista con una leggera sovraperformance nel settore tecnologico, cosa che ultimamente è stata spesso segno di una rotazione in/out di nomi di slancio della crescita e di valori/ciclici. Tuttavia, la performance di quest’ultimo è relativamente mista, suggerendo che questa mattina non è in sintonia con questo tema. Inoltre, l’entità dei movimenti finora compiuti è relativamente minore e come tale c’è il rischio che tali discrepanze tra i gruppi possano essere soggette a un’interpretazione eccessiva. Il punto culminante dei rapporti sui guadagni di questa mattina è stato il gigante danese delle spedizioni Maersk (-2,1%) con il rapporto della Co. spesso considerato come un campanello d’allarme per l’attività economica globale, sul quale, la Co. ha notato che si è ripresa più velocemente di quanto inizialmente previsto in quanto beneficia di vendite al dettaglio più solide negli Stati Uniti. Altrove, RSA (+3,9%) è più solida nella sessione dopo che il Co. ha accettato un approccio di acquisizione di GBP 7,2bln da Intact e Tryg. Altre attività di deal hanno visto Deutsche Boerse (+3,4%) accettare di acquisire una partecipazione dell’80% in Institutional Shareholder Services con un valore aziendale di USD 2,3bln. Per quanto riguarda il lato negativo, Air France-KLM (-3,3%) è più bassa nella sessione con rapporti che segnalano che le Co. si dice siano in discussione su un aumento di capitale di 6 miliardi di euro. Hargreaves Landsown (-1,5%) è un altro ritardatario della sessione in mezzo alle notizie che Stephen Lansdown, il fondatore della Co. ha venduto 6,7 milioni di azioni con uno sconto.

Le principali notizie europee

  • La Spagna aumenta l’ostacolo per gli investimenti esteri in imprese strategiche
  • Pimco ha detto di prendere uno spazio ufficio a Dublino in Boost to Market
  • Le vendite di beni in Gran Bretagna come valori scendono di 1,1 miliardi di dollari
  • Ubisoft salta sull’aggiornamento positivo per il gioco di New Assassin’s Creed

In FX, il dollaro e l’indice sembrano sempre più destinati a diminuire ulteriormente in quanto i venditori continuano a rimbalzare sui rimbalzi e il contesto tecnico/omento tecnico diventa più ribassista a vantaggio delle controparti principali e EM. In realtà, il crollo del dollaro può essere dovuto alla relativa forza altrove quanto alle specifiche negative degli Stati Uniti, anche se il continuo aumento delle infezioni e dei decessi da COVID-19 ha smorzato un certo ottimismo sui vaccini, dato che gli stimoli rimangono bloccati in seguito alle elezioni presidenziali ancora incerte. Il DXY si è affievolito dopo che un’altra ripresa domata e di breve durata si è esaurita poco sopra le 92.500 unità ed è appena sotto le 92.200 unità, essendo sceso a 92.207 contro le 92.129 della scorsa settimana, prima dei dati relativi alle abitazioni e di un altro round di discorso della Fed.

  • NZD/GBP/AUD – In contrasto con il Greenback, gli ultimi revival Kiwi e Aussie appaiono più solidi sulle rispettive maniglie 0,6900 e 0,7300 in seguito ai dati misti NZ PPI e all’apprezzamento nello YUAN da parte di un altro fix più alto del PBoC Cny midpoint. Nel frattempo, la sterlina si sta avvicinando a 1,3300 e torna a 0,8950 contro l’euro, in vista di un aggiornamento potenzialmente fondamentale da parte del capo negoziatore Brexit Barnier, capo dell’UE, venerdì, e sulla scia dei rapporti che la Francia potrebbe aver „accettato“ che ci sarà meno acqua da pescare nella transizione post-UK. Tuttavia, i contatti di mercato suggeriscono che ci potrebbero essere grandi offerte nella prossima grande cifra in Cable e l’azione sui prezzi supporta questa teoria, mentre Aud/Usd potrebbe essere limitato a 0,7350 circa nella corsa all’occupazione australiana da un giorno all’altro.
  • JPY/CAD/EUR/CHF – Lo Yen ha superato di nuovo i 104,00 indipendentemente da impulsi commerciali giapponesi in qualche modo conflittuali, dato che l’eccedenza ha distrutto il consenso, ma solo in virtù del fatto che le esportazioni non sono quasi diminuite e le importazioni sono precipitate molto più del previsto. Altrove, il Loonie è tornato sopra 1,3100 sullo sfondo di prezzi del petrolio più solidi in anticipo rispetto al CPI canadese, mentre l’Euro è ancora sulla buona strada per testare 1,1900 e in modalità rialzista sopra i 50 HMA (1,1856), dato che non c’è un grande interesse di scadenza dell’opzione al rialzo per ostacolare la coppia oggi, a differenza di Usd/Cad che dovrebbe essere ammortizzato da un pesante 1,1 miliardi di euro allo sciopero di 1,3000. In modo simile, il franco sta trovando 0,9100 difficile da superare, e forse diffidare di un intervento più verbale per complimentarsi con l’azione diretta tramite Maechler della BNS che a un certo punto dovrebbe parlare.
  • SCANDI/EM – Il commercio per il Sek e il Nok è in difficoltà a causa delle fluttuazioni del sentimento di rischio, ma il Try è in controtendenza rispetto all’Usd dopo il breve intermezzo di ieri, mentre l’orologio scorre verso il basso fino all’atteso incontro sulla politica CBRT di giovedì, con un’aggressiva previsione mediana di +475 punti base rispetto alle aspettative della SARB, invariate.

Per quanto riguarda le materie prime, WTI e Brent hanno continuato a macinare più in alto per tutta la mattinata, aiutati dalla graduale ripresa della performance azionaria, nonché dal vento di coda della sottoperformance del dollaro fino ad ora. Fondamentalmente, non ci sono state molte novità dal raduno del JMMC di ieri e l’attenzione è ora saldamente rivolta al raduno completo OPEC/OPEC+ a fine mese per ulteriori aggiornamenti prima del prossimo JMMC del 17 dicembre. Attualmente, i benchmark stanno registrando guadagni di circa l’1,0% e risiedono in prossimità dei massimi delle sessioni. A titolo di riferimento, gli inventari privati di ieri sera hanno stampato una costruzione più grande del previsto di 4,2 milioni di euro contro gli 1,7 milioni di euro dell’Exp. Più tardi la VIA pubblicherà il rapporto sulle scorte con il titolo previsto di 1,65 milioni di tonnellate. Passando ai metalli, l’oro a pronti è complessivamente piatto stamattina, ma è stato leggermente inferiore rispetto al dollaro, con alcune scrivanie che attribuiscono la leggera pressione alla candidatura della Fed Shelton, che ieri è stata bloccata, anche se questo mantiene lo spazio per un nuovo voto in un secondo momento; nel contesto dell’interesse precedentemente espresso da Shelton nei confronti dei regimi di denaro duro.

Calendario degli eventi negli Stati Uniti

  • 7.00: Domande di ipoteca MBA -0,3%, prima -0,5%
  • 8:30: Inizio abitazioni, est. 1,46 m, prima di 1,42 m
  • 8:30: L’abitazione inizia MoM, est. 3,18%, prima dell’1,9%
  • 8:30: Permessi di costruzione, est. 1,57 m, prima di 1,55 m
  • 8:30: Permessi di costruzione MoM, est. 1,43%, precedente 5,2%
  • Jim Reid di DB conclude l’impacchettamento notturno

Il rally delle attività a rischio ha fatto una pausa di riflessione ieri, quando i mercati hanno spostato l’attenzione dalle notizie positive sui vaccini di lunedì alle sfide a breve termine della crescente crescita dei casi e delle restrizioni più severe. Alla fine, sia l’S&P 500 (-0,48%) che il Dow Jones (-0,56%) sono scesi dai loro massimi storici. 18 dei 24 gruppi industriali dell’S&P sono scesi ieri, guidati da difese come Utilities (-2,01%), Food & Staples (-1,49%) e Healthcare Equipment (-1,42%). Tuttavia, il NASDAQ è sceso di un -0,21%, grazie anche all’anticipo del +8,21% di Tesla, che ha ricevuto la notizia che entrerà a far parte dell’S&P 500. Il giorno ha aggiunto un tetto di mercato di circa 31,8 miliardi di dollari, che è più o meno della stessa dimensione di Yum! Brands (31,4 miliardi di dollari), Freeport-McMoRan Inc (30,6 miliardi di dollari) e in particolare vicino a Ford (34,8 miliardi di dollari). Come abbiamo detto ieri, entrerà comodamente nella top 10 dell’S&P 500 quando arriverà a dicembre.

In altri „è una bolla o non è una novità? Bitcoin (+5,59%) ha scambiato oltre i 17.000 dollari per la prima volta dal 21 dicembre 2017 – un livello che ha chiuso sopra solo per altri 5 giorni nella storia. E‘ salito anche brevemente a 18.000 dollari in Asia. Questo è anche se l’oro (-0,45%) continua a scivolare, quindi i due si sono disaccoppiati un po‘ tardi. Il metallo prezioso è ora sceso del -8,88% rispetto ai massimi di inizio agosto. I due sono stati correlati di recente soprattutto a causa del loro rapporto negativo con il dollaro, che ieri era in ribasso dello -0,24% e ha chiuso solo +0,30% in più rispetto ai suoi minimi di chiusura della pandemia.

Mentre andiamo a stampare i mercati asiatici stanno subendo un improvviso calo, mentre l’emittente giapponese FNNN ha annunciato che Tokyo ha registrato il record di 493 casi di Covid-19. Ciò fa seguito alle precedenti notizie del Nikkei, secondo cui il governo metropolitano di Tokyo sta prendendo accordi definitivi per innalzare il livello di allerta sullo stato di infezione al più alto dei 4 livelli. Il Nikkei è sceso del -1,13% mentre digitiamo. I futures sull’S&P 500 sono in calo dello 0,34%. Altrove, i mercati stanno cercando di mantenere i guadagni precedenti con l’Hang Seng (+0,14%), la Shanghai Comp (+0,34%), il Kospi (+0,22%) e l’ASX (+0,51%), tutti ancora in rialzo.

Il presidente della Fed Powell è intervenuto ieri a un evento online ospitato dal Bay Area Council e ha dichiarato che la ripresa economica negli Stati Uniti continuerà probabilmente a un ritmo „solido“, anche se ha definito l’aumento dei tassi di infezione da coronavirus un rischio „significativo“ di ribasso „soprattutto nel breve termine“. Mentre Powell ha indicato che la recente ondata di notizie sui vaccini è positiva per le prospettive a medio termine dell’economia, una piena ripresa è ancora molto lontana e che la Fed „rimarrà qui e si impegnerà a utilizzare tutti i nostri strumenti“. Ha poi indicato di essere favorevole a mantenere l’operatività delle strutture di prestito d’emergenza della Fed così com’è, dato che la „ripresa è incompleta“ – questo perché tutte le strutture, tranne una, scadranno alla fine dell’anno. Indipendentemente dalla posizione della Fed sulla questione, il Segretario del Tesoro Mnuchin dovrebbe accettare di tenere aperte le linee di credito e non ha ancora preso una decisione. Altrove, la conferma di Judy Shelton al Consiglio della Federal Reserve è stata bloccata ieri in 47-50 voti, dopo che due senatori repubblicani non hanno potuto partecipare a causa della quarantena. Il leader della maggioranza del Senato McConnell ha votato no per poter riportare il voto una volta che i due senatori mancanti saranno di nuovo disponibili. Dato che il senatore democratico eletto Mark Kelly è destinato ad entrare nella Camera già nella prima settimana di dicembre, il programma del GOP per la conferma di Shelton si sta stringendo.

Sul fronte del vaccino, l’amministratore delegato di Pfizer ha detto durante la notte che una pietra miliare chiave per la sicurezza è stata raggiunta nello studio del suo vaccino, e il produttore del farmaco si sta ora preparando a chiedere un’autorizzazione per l’uso d’emergenza. Altrove, il governo indonesiano sta pianificando di dare il via al suo programma di vaccinazione il mese prossimo, con una dose iniziale di 3mn che probabilmente verrà somministrata dal Sinovac cinese. Il Paese darà la priorità agli operatori sanitari, alla polizia, ai militari e ai funzionari pubblici.

Tornando ai mercati e oltre in Europa è stata una storia simile a quella degli Stati Uniti, dato che anche lo STOXX 600 (-0,24%) e le borse di studio in tutto il continente hanno perso terreno. L’indice STOXX Travel & Leisure (-1,06%) ha sofferto in particolare per i timori di continue restrizioni durante i mesi invernali, mentre il settore sanitario (-1,32%) è stato il peggiore in Europa. Altri settori ciclici come l’Energia (+0,71%) e l’Autos (+0,72%) hanno continuato a crescere grazie alle notizie sui vaccini che li hanno tenuti a galla.

Con la rotazione degli investitori fuori dagli asset di rischio, ieri si è registrata una forte performance sui mercati obbligazionari sovrani, dove sono stati stabiliti numerosi nuovi record. Ad esempio, i rendimenti dei BTP 10yr italiani sono scesi di -1,3bps, raggiungendo il minimo storico dello 0,639%. In Grecia, invece, lo spread dei rendimenti 10yr sui bund è sceso di un altro -3,0bps all’1,233%, il livello più basso degli ultimi dieci anni. Anche i titoli di Stato core hanno guadagnato terreno, con i rendimenti sui Treasury 10yr che sono scesi da -4,9bps a 0,857%, così come sono scesi anche quelli sui bund 10yr (-1,8bps), gilts (-2,5bps) e OATs (-2,3bps).

Un altro asset che ieri ha avuto una buona performance è stato la sterlina, che ha rafforzato il +0,36% (in crescita di un ulteriore +0,13% da un giorno all’altro) rispetto al dollaro USA grazie ai titoli che suggerivano che i negoziatori di Brexit avrebbero potuto concordare un accordo all’inizio della prossima settimana, potenzialmente già da lunedì. Tuttavia, lo stesso insieme di titoli ha anche avuto i funzionari che hanno avvertito che i colloqui potrebbero ancora fallire, mentre una dichiarazione dell’ufficio del Primo Ministro Johnson ha detto che „è tutt’altro che certo che un accordo si rivelerà possibile“. Non è chiaro quando avremo altre notizie, ma la corrispondente del Guardian’s Brexit, Lisa O’Carroll, ha twittato che le fonti del governo britannico non si aspettavano una svolta questa settimana e cercavano invece un accordo la prossima settimana. Se queste notizie sono giuste, significa che un accordo non sarà stato raggiunto in tempo per la videoconferenza dei leader dell’UE di domani, in cui avrebbero avuto l’opportunità di discutere la questione.

Per quanto riguarda gli ultimi sviluppi sul virus, a New York City, il tasso medio di positività su 7 giorni è stato del 2,74%, al di sotto dell’importante soglia del 3% che porterebbe alla chiusura delle scuole. Il governatore dell’Ohio ha imposto un coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino per i prossimi 21 giorni, anche se ha sostenuto che sta cercando di tenere aperte le attività al di fuori di quegli orari il più possibile. In Scozia, alcune zone, tra cui Glasgow, hanno dovuto affrontare restrizioni di livello 4 più severe, che includono la chiusura di negozi non essenziali, insieme a pub e ristoranti. Altrove in Europa, i Paesi Bassi hanno esteso le loro misure di chiusura parziale, eliminando anche alcune restrizioni imposte due settimane fa. Biblioteche, teatri, cinema, musei e piscine possono riaprire mentre bar e ristoranti rimangono chiusi. Analogamente in Francia, il primo ministro Castex ha annunciato che il paese non metterà fine all’isolamento totale, ma che alcune misure potrebbero essere revocate. Comincia a sembrare di nuovo tardivo, con il virus che sta peggiorando negli Stati Uniti, mentre in alcune parti d’Europa si sta diffondendo in altopiani. Dall’altra parte del mondo, dove il virus si è diffuso in modo meno aggressivo, il Sud Australia ha annunciato un blocco di 6 giorni che vedrebbe anche le scuole e le università vicine per aiutare a contenere un crescente gruppo di infezioni da Covid-19 nella capitale Adelaide. La Corea del Sud ha anche riportato il più alto numero di infezioni giornaliere in quasi 12 settimane.

I dati di ieri hanno visto una lettura più debole del previsto sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, che sono aumentate di appena il +0,3% in ottobre (contro il +0,5% previsto), mentre anche la crescita del mese precedente è stata rivista al ribasso all’1,6% (contro il precedente 1,9%). Questo +0,3% è il ritmo di crescita più lento da quando la pandemia ha subito le forti contrazioni, e la lettura soft si aggiungerà alle preoccupazioni per il rialzo del numero di casi di coronavirus. Un avvertimento è che le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono aumentate del +5,7%, il che dimostra quanto gli stimoli del governo e della banca centrale abbiano sostenuto la spesa.

In dati più positivi in tempo reale, la produzione industriale è aumentata dell’1,1% in ottobre (contro il +1,0% previsto), e il calo di settembre è stato rivisto per mostrare una contrazione inferiore al previsto. Infine, l’indice del mercato immobiliare del NAHB è salito al record di 90 (contro 85 attesi).

Per il giorno a venire, e i dati più importanti includono la lettura dell’IPC del Regno Unito per il mese di ottobre, insieme alle nuove immatricolazioni di automobili nell’UE-27 per quel mese. Dagli Stati Uniti, otterremo anche l’inizio di ottobre per le abitazioni e i permessi di costruzione. Tra i relatori della banca centrale ci sono i federali Williams, Bullard e Kaplan, insieme al capo economista della BoE Haldane.

Le co-fondateur de Kucoin révèle que 84% des fonds piratés ont été récupérés

Le co-fondateur de Kucoin, Johnny Lyu, dans un tweet le mercredi 11 novembre 2020, a informé la communauté des progrès réalisés jusqu’à présent sur le récent piratage qui a secoué l’échange en septembre. Lyu, dans son tweet, a fait savoir que 84% des fonds piratés sont désormais récupérés, les efforts pour récupérer le reste étant toujours en cours. Bien que relativement silencieux sur le processus de récupération des fonds, Lyu a déclaré que les détails du processus de récupération seraient publiés une fois l’affaire réglée.

Kucoin récupère la majorité des fonds volés

Comme rapporté par ZyCrypto le 26 septembre 2020, pas moins de 250 millions de dollars d’actifs ont été volés à l’un des principaux échanges de crypto-monnaie, Kucoin.

Comme indiqué à l’époque, les pièces et jetons volés comprenaient Bitcoin, Ethereum et plusieurs autres jetons ERC-20. Ces fonds auraient été transférés du portefeuille chaud de Kucoin.

À l’époque, la bourse avait promis que les utilisateurs concernés seraient indemnisés tout en s’adressant à d’autres bourses, dans l’espoir de retrouver et éventuellement de récupérer les fonds volés.

L’événement a provoqué la fermeture de certains de ses services sur la plateforme par l’échange

Une bonne nouvelle éclate enfin alors que le co-fondateur de la bourse, Johnny Lyu, révèle qu’une partie considérable des fonds volés, 84% pour être précis, est déjà récupérée.

Informé sur les mesures prises pour récupérer lesdits fonds, Lyu a déclaré que les actifs affectés avaient été récupérés via une approche de suivi en chaîne, une mise à niveau du contrat et un recouvrement judiciaire. Bien qu’il ne soit pas allé plus loin que cela, Lyu a déclaré que chaque détail du piratage serait publié une fois l’affaire close, comme demandé par les forces de l’ordre.

En outre, Lyu a remercié ceux (qui comprenaient des individus et des organisations) qui se sont engagés à récupérer les fonds volés.

À l’avenir, il a promis que la bourse doublerait ses efforts pour protéger les actifs des utilisateurs sur la plate-forme.

Bitcoin Cash Hard Fork: Was Sie wissen müssen

Bitcoin Cash ist für ein Netzwerk-Upgrade in diesem Monat vorgesehen. Hier erfahren Sie, was das Upgrade beinhaltet und was es für die Crypto-Community bedeutet.

Bitcoin Cash soll am 15. November 2020 ein Netzwerk-Upgrade durchführen

Eine BCHN-Version des Upgrades enthält ein neuartiges und unumstrittenes Mining-System.

Das Bitcoin ABC-Entwicklungsteam hat ein alternatives Upgrade vorgeschlagen, das auch 8% der Mining-Belohnungen umleitet.

Die Bitcoin Cash-Blockchain wird diesen Monat einem umstrittenen Netzwerk-Upgrade unterzogen, bei dem die Münze möglicherweise in zwei Teile geteilt wird – und nicht zum ersten Mal .

Das vorgeschlagene Upgrade, zumindest für die BCHN-Version, führt einen neuartigen Mining-Algorithmus ein und ist weithin akzeptiert. Befürworter der Münze, die weltweit an fünfter Stelle steht, waren überrascht, als das Bitcoin ABC-Entwicklerteam ein alternatives Upgrade vorschlug, das ein weiteres Element hinzufügte, das 8% der Blockbelohnungen von Bitcoin Cash-Minenarbeitern ablenken würde.

Der Vorschlag des ABC-Teams mit der Bezeichnung „Bitcoin ABC“ würde das Geld in die Hände seines eigenen Entwicklungsteams legen. Die Idee ist nichts Neues; Datenschutzmünze Zcash hat seit vielen Jahren einen ähnlichen Fonds .

Die Mitglieder der Bitcoin Cash-Community sahen dies jedoch als Geldraub an und waren der Ansicht, dass dies dem dezentralen Ethos der Münze zuwiderläuft

„Einen Teil der # BitcoinCash-Blockbelohnung umzuleiten, um ein einzelnes Entwicklungsteam zu bezahlen, ist der Traum eines zentralen Planers im sowjetischen Stil. Bitte hör auf “, sagte Ver in einem Tweet im August.

Das Simple Ledger Protocol, ein Protokoll, mit dem sichere Token in der Bitcoin Cash-Blockchain ausgegeben werden können, hat eine ähnliche Melodie gesungen. „Wir betrachten ein Protokoll, das Coinbase-Belohnungen umleitet, nicht als Bitcoin Cash (BCH), insbesondere wenn eine solche Regel einseitig angekündigt wurde“, sagte ein Sprecher des Protokolls in einem Blogbeitrag .

Das Netzwerk-Upgrade ist für den 15. November geplant. Das wahrscheinlichste Szenario ist, dass die Mehrheit der Bergleute die BCHN-Version im Gegensatz zur Version des ABC-Teams unterstützt, wobei die ABC-Version zu einer Minderheitskette wird. Dies ist ein Konzept, das als „Aufteilen“ bezeichnet wird, wenn sich ein Blockchain-Upgrade als trennend erweist und die Blockchain zu zwei separaten Ketten mit jeweils eigenem Wert wird.

Coinbase Pro ilmoittaa tuen DeFi: n Wrapped Bitcoin (WBTC) -tunnukselle

Coinbase käynnistää tuen Wrapped Bitcoinille (WBTC).

Tämä seuraa muiden DeFi-rahakkeiden, kuten Uniswap (UNI), äskettäistä julkaisua.

Hajautetun rahoituksen ( DeFi ) toiminta ja toiveet näyttävät olevan hitaita. Siitä huolimatta kryptovaluutanvaihto lisää edelleen asiakkaille DeFi-tunnuksia markkinoiden tueksi. Tänään Coinbase Pro, Coinbasen ammattimainen kaupankäyntialusta, on käynnistänyt tuen DeFi: n Wrapped Bitcoin -tunnukselle, joka on kutsuttu WBTC: ksi .

WBTC-kauppa alkaa pian Coinbase Prolla

Sen jälkeen kun ilmoitus , Coinbase Pro debytoi tuki WBTC lailla lokakuun 15. Niinpä kauppiaat lavalla voi alkaa tallettaa kääritty Bitcoins merkkejä, vaikka kauppa on joka aloittaa myöhemmin. Kun rahakkeen saapuva siirto avautuu, kaupankäynnin on tarkoitus alkaa tiistaina, eli jos likviditeettiehdot on saavutettu.

Riittävän määrän Bitcoin-tunnuksia tarjoten Coinbase Pro julkaisee tunnuksen fiat- ja kryptokauppaparit – WBTC-USD ja WBTC-BTC – tilauskannoissaan. Tämän ilmoitetaan julkaistavan noin neljässä vaiheessa, jotka sisältävät vain siirron, vain postin, vain rajoitusten ja täyden kaupankäynnin. Coinbase Pron tukemien alueiden krypta-kauppiaat voivat osallistua kauppaan, lukuun ottamatta asiakkaita New Yorkissa.

Coinbase DeFi -merkit

Wrapped Bitcoinin käynnistäminen Coinbase Prossa tulee, kun tunnuksen kysyntä kasvaa edelleen. Protokolla on tällä hetkellä luokiteltu kolmanneksi suurimmaksi DeFi Pulse -protokollaksi, ja lähes 1,2 miljardin dollarin varat on lukittu. WBTC on pohjimmiltaan Bitcoinin Ethereum-versio. Se on ERC-20-merkki, joka on karkeasti sidottu Bitcoiniin 1: 1-suhteessa. Blockchains-erojen vuoksi tunnus luotiin, jotta Bitcoin-käyttäjät voisivat olla yhtä tarkkoja vuorovaikutuksessa Ethereumin ja DeFi: n kanssa.

Samaan aikaan Wrapped Bitcoin -tunnus ei ole kaikkien aikojen ensimmäinen hajautettu rahoitustunnus, jota pörssi tukee. Viime aikoina Coinbase otti käyttöön tuen sellaisille tunnuksille kuin Maker (MKR), Yearn.Finance (YFI), Compound (COMP), Uniswap (UNI), Balancer (BAL) ja monille muille.

Ponad 100 milionów ludzi posiada Bitcoiny, Altcoins na całym świecie – raport

Liczba użytkowników kryptowalut rośnie wykładniczo, według naukowców z Cambridge Center for Alternative Finance , a ponad 100 milionów ludzi na całym świecie korzysta obecnie z kryptowalut – to ogromny wzrost z 35 milionów, które te same badacze zidentyfikowali zaledwie dwa lata.

Według nowego badania liczba użytkowników kryptowalut ze zweryfikowaną tożsamością wzrosła z 35 milionów na całym świecie do „101 milionów unikalnych użytkowników kryptowalut na 191 milionach kont”.

Autorzy artykułu, Blandin i wsp., Uważają, że zmniejszona anonimowość przyczyniła się do łatwości, z jaką badacze mogą identyfikować użytkowników kryptowalut – a także do faktu, że wielu użytkowników kryptowalut korzysta obecnie z wielu portfeli kryptograficznych.

Oni napisali

„Ten 189% wzrost liczby użytkowników można wytłumaczyć zarówno wzrostem liczby kont (która wzrosła o 37%), jak i większym udziałem kont, które są systematycznie powiązane z tożsamością osoby, co pozwala nam zwiększyć szacunek minimalne numery użytkowników powiązane z kontami u każdego usługodawcy ”.

Naukowcy stwierdzili, że pomimo ograniczeń ich metodologii „istnieją powody, by sądzić, że te szacunki dają wiarygodne przybliżone dane dotyczące całkowitej liczby posiadaczy kryptowalut na świecie”.

Stwierdzili również, że wyniki ankiety są zgodne z wynikami innych badaczy, zwracając uwagę, że „inne niedawne badania konsumenckie również wskazują na wzrost własności kryptowalut. Badanie zlecone przez brytyjski organ nadzoru finansowego oszacowało wzrost o 78% ”.

Ponad 100 milionów ludzi trzyma Bitcoin Trader, Altcoins na całym świecie – Raport 102

Źródło: The 3rd Global Cryptoasset Benchmarking Study przeprowadzone przez Cambridge Center for Alternative Finance.

„Jest to istotne, ponieważ jest to ładna, okrągła liczba, a ich dane z 2018 r. Są powszechnie cytowane jako jedne z najbardziej wiarygodnych szacunków liczby użytkowników na całym świecie” – mówi Nic Carter, partner w Castle Island Ventures i współzałożyciel analizy rynku kryptowalut – skomentowała firma Coin Metrics .

Wydaje się jednak, że ogromna cicha większość użytkowników kryptowalut jest nieaktywna – szczególnie ci, którzy znajdują się poza Europą i Ameryką Północną.

Naukowcy napisali:

„Usługodawcy działający w Ameryce Północnej i Europie generalnie zgłaszają wyższą aktywność użytkowników, a mediana firmy wskazuje, że 40% wszystkich użytkowników jest uważanych za aktywnych”.

Les échanges coréens dans les limbes face à la sécurité sociale des clients Nos Conundrum

La confusion règne quant à savoir si les échanges cryptographiques sud-coréens peuvent – ou devraient – collecter les numéros de sécurité sociale de leurs clients dans le cadre de nouvelles mesures de conformité Know-Your-Customer (KYC) et anti-blanchiment d’argent Bitcoin Up qui entreront en vigueur dans quelques mois .

Selon Digital Today, les bourses ne sont toujours pas certaines de leurs obligations légales sur ce front, malgré le fait que nombre d’entre elles ont déjà mis en place leur infrastructure de conformité en prévision du contrôle des régulateurs financiers.

Les fournisseurs de services d’actifs virtuels (VASP) seront tenus de confirmer les vrais noms de leurs clients en vertu d’une clause de la nouvelle modification légale, qui entrera en vigueur en mars 2021

Cependant, bien que le régulateur financier qui contrôlera les échanges conseille aux entreprises que la loi sur les transactions financières et la confidentialité au nom réel spécifie que le «vrai nom» d’une personne doit être confirmé en comparant le nom et le numéro de sécurité sociale émis sur les cartes d’identité des citoyens. une loi semble contredire cet avis.

La Loi sur la protection des renseignements personnels stipule que les entreprises ne peuvent pas demander à leurs clients de divulguer des numéros de sécurité sociale, sauf dans des circonstances exceptionnelles.

Celles-ci comprennent actuellement les principales opérations bancaires

Mais comme les échanges cryptographiques ont, juridiquement parlant, plus en commun avec les plates-formes de commerce électronique que les institutions financières comme les banques, les experts juridiques semblent perplexes quant à savoir si les échanges peuvent ou devraient demander aux clients de fournir cette forme de données personnelles dans le cadre de leurs nouveaux protocoles de conformité KYC et AML. Il est interdit aux plateformes de commerce électronique de faire des demandes de numéro de sécurité sociale en vertu de la loi précitée.

Le rapport conclut que ces questions pourraient bien être abordées dans une législation distincte spécifique à l’industrie de la cryptographie – mais la discussion sur un projet de loi sur les droits des entreprises sur les actifs virtuels n’a pas encore véritablement commencé, à peine six mois avant l’entrée en vigueur des nouvelles mesures de police.